, , ,

Tulipark Roma 2019: 14 cose da sapere

Tulip Roma 2019 cose da sapere

Domenica 31 marzo. È arrivata la bella stagione all’improvviso. Non ce lo aspettavamo ma a Roma è già quasi estate. L’immediato cambio di scena  scatena d’un colpo la voglia di passeggiate all’aria aperta, di immersioni totali nella natura, di sentire i profumi nell’aria, il caldo, quel ronzare di insetti che ci mette subito in sincronia col nostro spirito bucolico. Cerchiamo idee e folgorazioni che seducano questo bisogno di rinnovo, fisico e mentale, e che rompino gli schemi dei mesi invernali.

Non possiamo allora mancare, per il secondo anno consecutivo, al Tulipark! Ecco cosa è utile sapere

  1. Tulipark: dove si trova

    Lo scorso anno il campo coltivato secondo i criteri green olandesi era dislocato verso la Cassia e ricordo che mi aspettavo chissà che parco! Diciamo, chiamarlo Parco è un po’ ambizioso.

    Si tratta semplicemente di un campo coltivato a tulipani, di tante specie e varietà, messi a dimora in file ordinate e composte per essere facilmente annaffiate, curate, raggiungibili per la raccolta.

    Quest’anno il Tulipark è situato nella zona est di Roma, in via dei Gordiani 73, nella famigerata borgata Casilino 23, incastonata tra la Centocelle di baglioniana memoria e Torpigna. Arriviamo in auto, guidati dal Guzzanti-Venditti sul Grande Raccordo Anulare che ci ricorda che “prima della 19 c’è Torpignattaraaaaaaaaa” 😀

    Tulip Roma 2019 cose da sapere

  2. I biglietti meglio farli on line

    Se decidi di andare nel weekend, meglio acquistare i biglietti on line (https://www.tulipark.it/calendario-ticket/). Quando sono arrivata, domenica scorsa subito dopo pranzo, la fila alla biglietteria del parco era già molto lunga. Praticamente chi non era incastrato nel classico ingorgo domenicale di ritorno dal mare, di sicuro era in fila al Tulipark. ??

    Considera che per trovare parcheggio dovrai girare un po’ tra le vie limitrofe (ma non è impossibile come lo scorso anno) e se ti tocca fare anche la fila per entrare, scatta il tic nervoso. Arriva allora già preparata con la stampa del biglietto in mano ed entrerai subito.

  3. Indossa pantaloni e scarpe comode. Proteggi la reflex!

    Consiglio un abbigliamento casual e scarpe comode perché sarai in un bel contesto agricolo, con tanti filari disposti su terreno battuto e polveroso. Anche la mia reflex si è coperta di strati di pulviscolo in maniera esagerata!

    Tulip Roma 2019 cose da sapere

  4. Per chi ha bambini piccoli

    Meglio andare con un marsupio piuttosto che trascinarti dietro il passeggino. Può risultare infatti difficoltoso procedere sul terreno non spianato, dove le annaffiature hanno creato solchi, scanalature e zolle compatte.

    Anche per le persone in carrozzina diventa un compito difficile e stancante.

  5. I cani possono entrare!

    Ho lasciato a casa la mia cagnolina, chiedendomi se potessi portarla. La risposta è SI, puoi portare i tuoi amici pelosi, purché al guinzaglio e naturalmente raccogliendo le deiezioni, ça va sans dire!

  6. Vai nelle ore meno affollate!

    Scegli bene l’orario se vuoi andare nel weekend. Meglio trovarsi presto all’apertura del parco (ore 09:00), quando tutto è ancora fermo e vuoto. Puoi avere un colpo d’occhio totale del campo e fare scatti fotografici senza quell’affollamento sullo sfondo che ti accompagnerà per tutta la giornata.

    Tulip Roma 2019 cose da sapere

  7. Snack, panini e specialità olandese

    Fuori dal parco non aspettarti bar, tavole calde, pizzerie e tabacchi immediatamente raggiungibili attraversando la strada o girando l’angolo. All’interno c’è uno stand bar gastronomico per patatine, panini, hamburger, curiosità gastronomiche olandesi.

    Ammetto che pagare €1,50 una bottiglietta d’acqua da mezzo litro mi espone ad un certo fastidio. €1,20 per il caffè in plastica. Non ho troppe pretese esistenziali e culinarie, ma il caffè è un must che va servito in porcellana o vetro, la plastica è sacrilegio, da contrattura mandibolare.

  8. Il caffè

    Devi sapere però che prima di arrivare al parco di Villa de Sanctis, su via Gordiani al numero 5, c’è uno Sporting Club con campi da tennis e da calcetto dove puoi trovare un bar ben attrezzato con caffè in tazzina, gelati e tavolini esterni.
    Altrimenti chiedi del Centro Commerciale Primavera, posto proprio dietro i palazzoni che fronteggiano l’uscita del Tulipark. È un centro piccolo e intimo, molto frequentato dagli abitanti del quartiere, dove troverai bar, gelaterie, il Simply e i negozi per lo shopping.

  9. Un bel posto per rilassarti

    Bellissimo, grande ed invitante il parco che si sviluppa accanto al Tulipark: Villa de Sanctis, recentemente recuperata, con sculture, aree giochi, panchine e prati dove stendersi al sole o fare un picnic. Rilassarsi con una palla e quattro chiacchiere può essere un ottimo modo per concludere la giornata.

  10. I punti instagrammabili

    Questi i punti speciali e ambitissimi:
    – il caratteristico mulino olandese con le pale al vento dove immancabile scatta il selfie
    – lo zoccolo in legno che fa subito Olanda: il komplen giallo gigante dove salire letteralmente a bordo per delle foto ricordo
    – un pulmino old style, a pagamento, per romantici scatti vintage
    -il tappeto di tulipani, multicolor o a colore unico
    Tulip Roma 2019 cose da sapere

  11. Dai un’occhiata verso l’uscita

    Si raccolgono fiori nei secchielli rossi consegnati all’entrata, si passeggia, si fanno foto, si chiacchiera al bar allegramente al sole. Poi ti accorgi di quella mega fila per uscire. Gli occhi lanciano saette, scruti avidamente gli astanti facendo velocemente il conto delle ore che impiegherai a conquistare l’uscita. Ma ti accorgerai che si sfila via in fretta: si consegnano i buoni per i due fiori omaggio, tagliano via i bulbi venuti fuori estirpando il tulipano, si acquistano fiori in più a un prezzo di €1,50 cd., si incartano e si portano a casa. Moribondi o solo svenuti. A casa mettili in un vaso d’acqua fredda e cubetti di ghiaccio. Si riprenderanno in fretta e ti porteranno allegria nel corso della settimana.
    Tulip Roma 2019 cose da sapere

  12. Sfioriture e spampanature

    Aggiornamento. Nel giro di una settimana il clima è molto cambiato. Domenica scorsa sembrava quasi estate, ora è di nuovo autunno (per fortuna, aggiungerei). Ma le temperature troppo calde della scorsa settimana hanno accelerato la fioritura dei tulipani. Per questo alcune zone sono nel frattempo state chiuse, quelle dove i tulipani sono già sfioriti e rovinati. Il biglietto è ora meno caro, una buona notizia per chi era incerto e dubbioso se andare.

  13. Vuoi coltivare i tulipani in vaso? Qualche consiglio

    Se al Tulipark hai acquistato dei bulbi original olandesi, tienili in un sacchetto di carta al buio e al fresco fino a ottobre. I tulipani vanno piantati in autunno, per sviluppare un apparato vegetale che permetta di affrontare l’inverno ed esplodere a primavera in mille colori e sfumature.
    È anche vero che la mia amica che coltiva tulipani in vaso, non toglie mai i bulbi dopo la sfioritura e l’anno successivo rispuntano bellissimi tulipani. Per dire.

    Sul fondo del vaso disponi dell’argilla espansa che potrai trovare facilmente nei vivai o nei negozi specializzati. Spesso anche nei supermercati. Riempi il vaso con terriccio. Importante non porre il vaso alla luce diretta del sole.

    Posiziona i bulbi nel terriccio con la punta rivolta verso l’alto ad una profondità doppia rispetto all’altezza dei bulbi stessi, lasciando circa dieci centimetri tra un fiore e l’altro.

    Compatta il terriccio per eliminare l’aria e annaffia per bene. La terra deve sempre essere umida, facendo attenzione a non lasciare ristagni d’acqua che causano marciumi alle radici.

    Durante l’inverno evita di innaffiare: le basse temperature potrebbero gelare e distruggere i bulbi.

    A primavera sarà necessario utilizzare un concime ricco di fosforo, azoto e potassio per conferire forza alla fioritura.

    Tulip Roma 2019 cose da sapere

  14. Last but not least

    Aperto anche quando piove.
    Fresco e pioggia fanno molto bene ai tulipani! Portate l’ombrello!

     

     

     

     

    Ora prezzi più bassi per entrare e per acquistare fiori in più.

    Orari: 09:00-19:00

    Chiude prossima settimana

    https://www.tulipark.it/

Affrettatevi,  c’è solo per pochi giorni!

21 commenti
  1. centrifugato di mamma
    centrifugato di mamma dice:

    il tulipano è un fiore che mi piace tantissimo!! so che c’è uno spazio simile anche a Milano ma non son mai riuscita a visitarlo

    Rispondi
  2. Elisa
    Elisa dice:

    Urca… ma dalle foto sembra un luogo di pellegrinaggio! ? Bellissimo e scenografico ma… forse un po’ troppo affollato per i miei gusti… ? Se mi capiterà di essere in zona penso proprio che opterò per una visita infrasettimanale per godermi i colori in tranquillità!

    Rispondi
  3. Cristiana
    Cristiana dice:

    Bellissimo! Non sapevo dell’esistenza di questo evento! Peccato essermelo perso! Spero che abbia riscosso il meritato successo e che il prossimo anno ci sia la terza edizione! Voglio assolutamente andarci!

    Rispondi
  4. Veronica
    Veronica dice:

    Vorrei troppo essere in zona per poter andare, i tulipani sono i miei fiori preferiti e sapere che sono a Roma, città che amo, e che non posso esserci è pura tortura. Mi segnerò l’evento cercando di organizzarmi per l’anno prossimo!!!

    Rispondi
  5. anna di
    anna di dice:

    Che bella questa Olanda a Roma! Sarà che adoro i fiori, ma l’idea di avere un campo di tulipani, colorati, tutto intero, mi piace tantissimo. Ci andrei all’alba, per vedere i fiori che si risvegliano con il sole. Abitassi in Italia, ci farei un pensierino.

    Rispondi
  6. Rita Tirelli
    Rita Tirelli dice:

    Peccato essere lontane, il Tulipark mi sembra un posto davvero carino! Mio figlio è un super appassionato di tulipani, che coltiva con amore in giardino. Questo parco gli paicerebbe sicuramente

    Rispondi
    • CarolaSproloquier
      CarolaSproloquier dice:

      Ma fighissimo tuo figlio!! Gli piacerebbe sicuramente. Puoi farci un pensierino per il prossimo anno Rita!

      Rispondi
  7. Annalisa
    Annalisa dice:

    Ero invogliata ad andare, ma quando ho letto pulviscolo…… io ho l’asma anche solo al pensiero! Mannaggia, mi sarebbe piaciuto portare la piccola visto che ci sono delle belle giornate di sole! ma meno male che ho letto l’articolo, almeno se dovessi decidere di andare provvederò a svaligiare una farmacia!

    Rispondi
    • CarolaSproloquier
      CarolaSproloquier dice:

      Annalisa non vorrei averti demotivato, mi dispiace 😀 Pulviscolo in quanto polvere, è un terreno sabbioso, argilloso, con tanta gente che va su e giù, avanti e indietro… Allergia, vade retro!

      Rispondi

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.