, ,

CROSTATA CROCCANTE DELLO SPORTIVO

Colazione dello sportivo

con Farina di Tipo1 e zucchero integrale: per una colazione dello sportivo equilibrata e performante

Colazione dello sportivo

Crostata con farina e zucchero integrale, marmellata di fichi d’India

Oramai lo sapete, sono scesa in pista per porre rimedio a quella faccenda del metabolismo che cambia, dei chili che ti si appiccicano addosso, della pigrizia che ti assilla, della remise en forme che rivendichiamo con determinazione a qualsiasi età, del cervello da riossigenare, delle sane abitudini quotidiane da riattivare.

È importante, accanto all’attività sportiva, porre l’attenzione al cibo che mangiamo.

A vent’anni, si sa, ingurgitiamo anche i carri armati e li eliminiamo alla velocità della luce, senza neanche il ruttino di rito. Dopo, invece, la storia si fa più complicata e i nodi vengono al pettine.

È il momento di ripensare la nostra dieta alimentare, in equilibrio tra nutrienti essenziali e materie prime di buona qualità.

Eliminare il superfluo e le calorie vuote è già una scelta che indirizza nel giusto senso il nostro regime nutrizionale.

Allo stesso tempo, abbiamo bisogno di assicurare all’organismo l’energia necessaria per funzionare a pieno ritmo, in termini di vitalità, potenza e prestazioni sportive.

Bisogna entrare in un nuovo modo di pensare, del prendersi cura di sé fin dal primo mattino, soprattutto se la giornata inizia con una sessione impegnativa di esercizio fisico.

Io ho scelto l’attività di prima mattina, perché a sera le energie e la motivazione latitano e sono pari a zero.

E perché la gratificazione che mi dà l’aver già portato a termine il programma prefissato, mette in circolo endorfine che mi regalano per tutta la giornata un bel senso di forza e di benessere.

La colazione è dunque un momento importante, a metà tra coccola da risveglio e innesco da carburazione efficace.

Riuscire a preparare in casa il dolce preferito, utilizzando le accortezze e gli alimenti migliori, è un vantaggio da non sottovalutare, fa partire già con un metro di vantaggio.

Ecco che una crostata croccante, con marmellata fatta in casa, farina e zucchero integrali, rappresenta un  esempio adeguato alla prima colazione, dello sportivo, un mix di carboidrati, fibre e frutta che ben si presta a risvegliare il metabolismo e l’energia giusta.

 

Colazione dello sportivo

Attrezzi per la pasta frolla

 

CROSTATA CROCCANTE DELLO SPORTIVO
con Farina di Tipo1 e zucchero integrale

Ingredienti:
240 gr zucchero di canna integrale o muscovado
240 gr burro freddo
600 gr farina tipo 1
2 uova intere + 1 albume
un pizzico di sale
500 gr di marmellata fatta in casa

Attrezzatura: sbattitore elettrico o planetaria con frusta a filo e a foglia
Teglia: leccarda da forno con fondo cm.40 x 30

Consigli: La pasta frolla è un impasto che deve essere lavorato freddo, ma con questo caldo estivo è difficile tenere la giusta temperatura. Dobbiamo quindi ricorrere a piccole strategie: riporre per un quarto d’ora la ciotola per l’impasto e le fruste nel congelatore; il burro, già tagliato, in frigo fino al momento dell’utilizzo.

Procedimento:

  1. Ho pesato e messo da parte la farina insieme a un pizzico di sale.
    Pesato lo zucchero.
    Rotto le uova sbattendole leggermente.
  2. Tirato fuori dal frigo gli attrezzi e il burro già ridotto a pezzi
  3. Nella ciotola della planetaria ho messo insieme lo zucchero con il burro e azionato la frusta a filo a velocità media per ottenere un composto omogeneo.
  4. Ho unito la farina con il sale e lavorato appena il necessario con la frusta a foglia per incorporarla nel burro con lo zucchero
  5. Ho creato al centro con la mano uno spazio vuoto, aggiunto le uova già sbattute e azionato la frusta. In pochi giri ho ottenuto un impasto quasi compatto.
  6. Ho tolto la frusta e compresso con forza l’impasto direttamente nella ciotola, rovesciato poi sulla tavola e lavorata velocemente in un panetto ben compatto.
  7. Ho steso velocemente l’impasto ad un’altezza di due centimetri circa, per poterla meglio lavorare una volta tolta dal frigo.
  8. Ho avvolto nella pellicola e fatto riposare. Preparo sempre la pasta frolla il giorno prima, faccio riposare in frigo per almeno 12 ore, ma può bastare anche solo mezzora.
  9. Trascorso il tempo di riposo, ho posto la frolla tra due fogli di carta oleata e stesa ad un’altezza di circa mezzo centimetro, adattando le misure alla leccarda del forno (cm.40×30).
  10. Ho posto il foglio di carta oleata con l’impasto squadrato nella teglia del forno, distribuito la marmellata in modo uniforme e con la pasta avanzata ho preparato le strisce necessarie a formare la griglia. Non metto invece la striscia perimetrale, quella tutt’intorno, perché non mi piace la mappazza di pasta che poi ti rimane in gola.Soprattutto per me la crostata deve essere croccante! Lo dice la parola stessa: crosta, quindi per forza bassa e croccante. Mi dà maggiore soddisfazione mordere e sgranocchiare, crunch crunch…

Questa è la mia crostata dello sportivo, ricca di fibre e di energia, con ingredienti bio di qualità, provenienti direttamente dall’orto e dal pollaio di mio papà.

Buona colazione! Poi mi raccomando, tutte a correre eh!

Colazione dello sportivo

Colazione dello sportivo: Crostata con farina integrale tipo1, zucchero muscovado e marmellata di fichi dIndia

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.